http://marketinglegale.it/images/studio-legale-avvocati.jpg

Tag:avvocato specializzato in malasanitĂ  scerni

Powered by Tags for Joomla

Studio legale avvocato | risarcimento danni errore medico malasanitĂ 

avvocato diritto penale | colpa medica | errori medici

La relazione di causalitĂ  possiede una differenza in ambito scientifico:

- da un lato esiste il nesso causale a livello giuridico, ovvero il nesso che deve sussistere tra comportamento ed evento perché possa prodursi, a monte, una responsabilità di carattere "strutturale" (Haftungsbegrundende Kausalitat);

- dall'altro lato, esiste il nesso causale a livello materiale, ovvero l’evento viene connesso al danno e consente di individuare le singole conseguenze dannose, circoscrivendo, a valle, i limiti di una responsabilità di carattere risarcitorio (Haftungsausfullende Kausalitat) (Cass. n. 21619/2007).

L’analisi delle norme causali prevede la necessità di distinguere il procedimento penale da quello civile. Infatti, quanto è stato accertato nel caso Franzese serve nella procedura penale, in cui il codice di rito prevede che l’autorità giudiziaria sia certo, senza alcun dubbio, della colpevolezza dell’imputato, tenendo conto del principio della responsabilità penale in merito all’art. 27 Cost. Si tratta di una posizione molto lontana dalla procedura civile in cui l’accertamento causale può essere anche solo presunto (art. 2727 cod. civ.) mediante l’antica normativa res ipsa loquitur.

Troviamo, quindi, due soluzioni opposte che si attuano in base all’applicazione dei due distinti procedimenti a livello penale o a livello civile.

Da ciò si dà vita ad un sistema unitario, connesso del tutto all’ambito civile e relativo al nesso di causalità, da adottare servendosi dell’art. 1223 cod. civ., senza alcuna distinzione che determini la dipendenza alle coordinate penali del primo svincolo della catena eziologica. Perciò a livello civile possiamo trovare tre differenti metodi di accertamento causale:

- quasi certezza, ovvero alto livello di veritĂ  razionale senza alcun dubbio di colpa a livello penale

- probabilitĂ  relativa

- probabilità attraverso la regola nordamericana del “più probabile che non”

Rapporto tra medico e paziente. In un tempo non molto lontano il rapporto tra paziente e struttura sanitaria si considerava di natura contrattuale: veniva ritenuto come una prestazione d’opera, nel senso che il medico o il sanitario attraverso gli strumenti forniti dalla struttura ospedaliera garantivano ai pazienti tutta l’assistenza di cui avevano bisogno.

In merito a ciò, il paziente operava giuridicamente nei confronti della struttura sanitaria: veniva a determinarsi una responsabilità di carattere contrattuale ex art. 1218, quindi il paziente doveva solo dimostrare il titolo negoziale.

Sei stato vittima di un errore sanitario? Chiedi il giusto risarcimento del danno medico. Contattaci adesso il nostro è un’staff formato da avvocati penalisti, civilisti, medici legali ed esperti in casi di diritto penale, civile, sanitario come: errori nei interventi chirurgici, risarcimento danni da errori farmacologici, errori medici gravi come causa di morte, mancata chance di guarigione e invaliditĂ , malasanita,  risarcimento danno estetico da errato intervento chirurgico o chirurgia plastica (danno all' immagine), morte del paziente, colpa medica, comportamento doloso del medico, errore medico in pronto soccorso, diritti del malato e vittime di errori medici, malasanitĂ , trasfusione sbagliata, ritardo diagnosi errata cancro, tumori, mesotelioma, lesioni e morte del neonato amniocentesi, danni e morte del feto e madre in parto cesareo, fissa un colloquio a Roma, Milano, Napoli, Torino, Palermo, Genova, Bologna, Firenze, Bari, Catania, Venezia, Verona, Messina, Padova, Trieste, Brescia, Taranto, Prato, Parma, Reggio Calabria, Modena, Reggio Emilia, Perugia, Livorno, Ravenna, Cagliari, Foggia, Rimini, Salerno, Ferrara, Sassari, Siracusa, Pescara, Monza, Latina, Bergamo, Forlì, Giugliano in Campania, Trento, Vicenza, Terni, Novara, Bolzano, Piacenza, Ancona, Arezzo, Andria, Udine, Cesena, Lecce.